Libreriamo Photos & Videos on Instagram

Report inappropriate content

ilvialedeiricordi

The end 🤗🤓✔📚 "Capii che ero arrivata fin là piena di superbia e mi resi conto che – in buona fede certo, con affetto – avevo fatto tutto quel viaggio soprattutto per mostrarle ciò che lei aveva perso e ciò che io avevo vinto. Ma lei se ne era accorta fin dal momento in cui le ero comparsa davanti e ora, rischiando attriti coi compagni di lavoro e multe, stava reagendo spiegandomi di fatto che non avevo vinto niente, che al mondo non c’era alcunché da vincere, che la sua vita era piena di avventure diverse e scriteriate proprio quanto la mia, e che il tempo semplicemente scivolava via senza alcun senso, ed era bello solo vedersi ogni tanto per sentire il suono folle del cervello dell’una echeggiare dentro il suono folle del cervello dell’altra." È tutta qui l'essenza del rapporto fra due ragazze, diventate adulte ancor prima di esserlo; un rapporto che vive di immedesimazioni e sfide a superarsi, ma che cedono sempre alla forza di un infinito affetto che lega Lila e Lenù, che vivono costantemente con le mani protese l'una verso l'altra.❤ #libri #libreria #ioleggo #libro #libreriamo #instalibro #libridaleggere #bookphotography #lalibreriacondivisa #microcosmi #booklover #lamicageniale #elenaferrante #storiadelnuovocognome

0

libri.and.co

#lavventodeilibri Questo è un libro a cui sono particolarmente legato. È stato il primo regalo che mi è stato fatto dalla mia ragazza e mi ha fatto scoprire Sepulveda come autore, al di fuori della più famosa "Storia della gabbianella e del gatto che le insegnò a volare". Il libro è un insieme di cronache che sembrano avere come punto comune il Cile, l'amore e, soprattutto, la guerra. Uomini, donne, ideali di libertà e desiderio di amore, piccole storie di grandi personaggi si uniscono come i fili di una ragnatela a rappresentare il triste percorso della vita che ti fa tornare, qualunque cosa tu faccia, alla malinconia del irrealizzabile o della fine. Tanti protagonisti in questa sequenza di racconti, ognuno dei quali è alla costante ricerca della felicità, una volta rappresentata dall'amore, una volta dalla libertà, una volta dalla realizzazione di un sogno. La speranza, il bisogno di cambiare, di far raggiungere all'anima uno stato differente, fanno confondere la realtà con l'illusione al punto da rasentare la pazzia senza mai essere tale. È una lettura consigliata per tutti, con piccole storie, Sepulveda riesce ad arrivare al cuore del lettore e lo porta a riflettere e sognare insieme ai protagonisti del racconto.

1

mondadoripointscordia

0

lesdemoisellebtc

2

enrose66

0

gikella

Dare libero sfogo alle proprie passioni 😍😍 #libridaleggere #piúlibripiúliberi #libreriamo #nuvoladifuksas #book #reading #leggere

2

leggere.che.passione

0

libri.and.co

#lavventodeilibri Residenza Arcadia racconta la vita in un condominio, la residenza Arcadia appunto. Il tema principale è la vita quotidiana degli abitanti del palazzo, soprattutto anziani, con le classiche liti condominiali, per i motivi più futili. Poco a poco però emerge anche la dimensione esterna alla residenza, come filtrata dalle vite degli inquilini: ci si rende conto che lo stato in cui si trova il palazzo è sotto una dittatura, e molti dei residenti hanno dei trascorsi turbolenti per via dell'appoggio al regime. @daniel.cuello è riuscito a caratterizzare i personaggi così bene da farci sembrare di conoscerli da una vita, ognuno con le sue fisse e paranoie. Residenza Arcadia è una commedia che maschera situazioni complesse, trasmettendole con un misto di risate e dolore che arriva dritto al lettore.

1

l.m._affrossman

1

matteolibreriadeglistudenti

1

mara.cnt

4

lallibea

1

d.e.l.a.i.n.a

Non so come dirti quello che provo. Vivo in un aspettativa perpetua. Tu arrivi e il tempo scivola via come un sogno. È solo dopo che te ne sei andata che mi rendo conto completamente della tua presenza. #anaisnin #ildeltadivenere #eroticromance #book #bookstagram #livre #instabook #libridaleggere #libreriamo #christmasinbook #consiglipergliacquisti

4

lellettrici_books

Salve, amici. Post chiacchiericcio perché dire che questa giornata è stata ‘particolare’ è riduttivo. Sono stata alla libreria Dante & Descartes a piazza del Gesù, a Napoli, una delle mie librerie preferite (nonché uno dei miei posti preferiti a Napoli). Oltre ad aver trovato gli splendidi volumi usati che vedete in foto, ho avuto una vivace discussione con un linguista originario della Spagna (da ciò che ho avuto modo di capire). Purtroppo non abbiamo potuto approfondire quanto forse l’argomento avrebbe richiesto, ma il punto è che, basandomi sui miei studi, ritenevo che non si potesse parlare del napoletano in quanto lingua (non perché non abbia delle sue norme o perché non abbia una sua produzione letteraria e musicale in lingua, ma semplicemente perché noi parlanti non lo percepiamo come lingua alternativa all’italiano), mentre invece il mio interlocutore riteneva che fosse un atteggiamento un po’ discriminatorio. Lo chiedo a voi: cosa ne pensate? Perché, benché a quanto pare io faccia la figura della dispotica, mi sento molto aperta alle altrui considerazioni. 📚 Ma parliamo dei libri: una splendida edizione rilegata Einaudi con le opere di Primo Levi. Mi sono commossa quando l’ho trovata, ho dovuto portarla via con me. Il libro di Simone De Beauvoir, invece, è un racconto degli ultimi anni di vita di Sartre. E poi abbiamo un saggio de Il Saggiatore il cui titolo è autoesplicativo. Quanto sarà libroso il vostro sabato e il vostro weekend? Vi auguro, comunque, una buona serata. - Ory #consigliletterari#leggeresempre#lettureconsigliate#libridaleggere#saggistica#saggiamente#ilsaggiatore#einaudieditore#siioleggo#librisulibri #leggoergosum#italiainlettura#instalibri#libreriamo#ioleggo#leggeretisalva #leggeremania#napolidavivere#napoletano

7

psicoterapia_psicoanalisi_ma

Seconda parte- I soccorritori di anime _ # psicologia #psicoterapie #psicoanalisi #poesia #poesiaitalianacontemporanea #libreriamo #libreria

0

psicoterapia_psicoanalisi_ma

0

leggere.che.passione

1

libri.and.co

#lavventodeilibri "So che spesso i segni esteriori, quelli visibili, tangibili, della fortuna e dell’ascesa si manifestano soltanto quando in realtà tutto ricomincia a calare. Quei segni esteriori hanno bisogno di tempo per arrivare a noi, come la luce di una delle stelle lassù, di cui non sappiamo se si stia già spegnendo, se sia già spenta, mentre riluce più chiara" • La saga familiare dei Buddenbrook è considerata un classico della letteratura tedesca, conosciuto ai più ma spesso non letto a causa della sua lunghezza e difficoltà di scrittura. Fondamentalmente, la storia dei Buddenbrook consiste in una trama delineata in modo estremamente dettagliato, raccontata attraverso molti giorni diversi ambientati nella vita quotidiana dei membri della famiglia, che con molti salti temporali, copre un periodo di tre generazioni. Tutti i complessi che possono vivere e di cui possono soffrire le persone della classe benestante, quando si vedono in bisogni angosciosi, sono descritti qui, con un alone di nostalgia che circonda le conversazioni, che, più che conversazioni, ricordano un glorioso e passato vivace che non tornerà. I Buddenbrook sono un'immagine che mescola il bello del passato con la dura realtà del presente. È un libro che richiede del tempo per essere letto, ma alla fine restituisce molti momenti di riflessione sul rapporto passato-presente e futuro.

1

storiedisera

Non sarà facile parlare di un libro la cui premessa principale è la mia antipatia smisurata per il protagonista. Coniglio Armstrong è narcisista, ipocrita, insopportabile. Avrei voluto prenderlo a sberle una pagina sì e l’altra anche. _ Eppure c’è un eppure. E cioè che persone così vigliacche e egoiste esistono nella moltitudine tipica del genere umano. L’assenza di qualsiasi archetipo eroico con cui simpatizzare e la bassezza rinchiusa negli animi dei personaggi dona al racconto una dimensione fortemente realistica, poco lirica. E Updike ce lo racconta così com’è, estraneo a tentativi di giudizio o condanna. _ “Piuttosto che giungere a un verdetto e a una direttiva, miravo a presentare diverse angolature di una tensione irrisolvibile intrinseca al nostro essere creature umane. Se qualche lettore si aspetta un romanziere che premia, punisce e satireggia i suoi personaggi da un punto di vista superiore, rimarrà deluso.” – Updike, Postfazione _ Un altro aspetto che ho apprezzato molto è l’assenza di dimensioni liberatorie nell’atto della fuga. Mentre da molti autori la fuga viene innalzata a simbolo di libertà per eccellenza, Updike ha il coraggio di mostrarci anche l’altra faccia della medaglia: il dolore di chi viene abbandonato. _ Infine, applausi a Updike per la dimensione umana dei suoi personaggi. Sono fermamente convinta che si debba possedere una sensibilità ed empatia particolarmente spiccate per riuscire ad ispezionare l’animo di personaggi così diversi nel giro di una manciata di pagine. _ Insomma, questo primo approccio con Updike mi ha convinto e leggerò sicuramente il prossimo libro della serie. Mi è sembrato di capire che sarà maggiormente incentrato sul piano politico dell’America degli anni settanta e chissà che Coniglio non mi stupisca con un briciolo di maturità in più! Voi li avete letti? Avete covato istinti omicidi per Coniglio Armstrong o siete riusciti a simpatizzare con lui?

1

moorewanted

La Strada Perduta é una sorta di zibaldone dove ci viene presentato il protagonista della storia, Maurice La Strada Perduta di Mauro Orefice edito lfa publisher è disponibile online negli store Feltrinelli IBS Kobo Amazon Mondadori #libri #amazon #consigli #segnalazione #blog #blogger #bookstagram #bookblogger #bookcommunity47 #tribe_piu #recensionelibri #amazon #booklover #bookpic #libri #letturachepassione #CasaScrittori #Libreriamo

0

d.e.l.a.i.n.a

Ieri mattina dovevo cercare un vecchio libretto degli assegni per restituirlo in banca, ho rovistato nel cassetto, non sono riuscito a scovarlo. Ho ritrovato invece la brutta copia di una lettera che mi ha aperto a metà. È lunga otto pagine. È una lettera d’amore scritta a biro verde su fogli a quadretti, la calligrafia frettolosa e storta di chi ha premura, con la quale cercavo di riconquistare una ragazza che mi aveva lasciato. Comincia con tono incazzoso, finisce che le dico che la amo. #matteobussola #lavitafinoate #book #bookstagram #livre #romantic #romance #consiglipergliacquisti #paroledamore #instabook #libridaleggere #libreriamo #christmasinbook

0

enrose66

1

lellettrici_books

Foto festosa per i miei nuovi acquisti alle bancarelle di Port’Alba. Ci sono libri nuovi, ma in vecchie edizioni; chicche preziose che aspettano di tornare a casa con i loro nuovi migliori amici. Mi sembra di tradirli quando devo lasciarli lì. Oggi mi sentivo un angioletto e mi sono accaparrata queste meraviglie 😇😍. • “Nerone” di Koszyolányi • “I monologhi della vagina” di Eve Ensler • “Elizabeth a Rügen” di Elizabeth Von Arnim • “Il più personale dei piaceri” di Vita Sackville-West. Sono molto orgogliosa delle mie scelte e sono certa che insieme ci imbarcheremo in fantastiche avventure. 📚 Quali sono stati i vostri ultimi acquisti librosi? Avete letto o conoscete i miei? - Ory #consiglidilettura#leggeresempre#lettureinvernali#lettureconsigliate#libridaleggere#ilsaggiatore#bollatiboringhieri#garzanti#kosztolányidezső#librisulibri#leggoergosum#italiainlettura#instalibri#libreriamo#bibliophile

4

barbaprof

1

arrety

0

libri.and.co

#lavventodeilibri “I leader sono spaventati dai libri perché insegnano cose che loro non hanno voluto raccontare. Se leggi sai come votare, se non leggi non sai come decidere. Noi siamo una democrazia di lettori e dovremmo andare avanti così.” [Ray Bradbury, intervista di L. Bridges (su yt)] · Tutti conoscono il significato del titolo: la temperatura a cui brucia la carta. Questo è uno dei libri che col passare del tempo da distopici diventano o potrebbero diventare narrazioni della realtà. Fahrenheit 451 è ormai considerato un classico, viene consigliato a chiunque, lettore e non, da chiunque lo abbia letto. È la storia di Guy Montag, un pompiere. Nel suo lavoro però non spegne gli incendi, li appicca. C'è un sistema di negazione della cultura tra la popolazione, chi ha i libri in casa viene segnalato e i libri in suo possesso (spesso anche la casa) vengono bruciati. L'unico veicolo di informazione sono le televisioni interattive e i programmi trasmessi che riempiono le vite di tutti. Dopo l'incontro con Clarissa, una ragazzina insolitamente felice, Guy inizia a riflettere sul suo lavoro, elabora il suo sentirsi fuori luogo e trova quello che gli manca proprio nei libri che ha bruciato per tutta la vita. In contrapposizione a Guy c'è sua moglie, totalmente assuefatta dalla televisione e impaurita dalla nuova energia di Guy datagli dalla cultura al punto da denunciarlo alle autorità. Queso contrasto è un elemento fondante della parte centrale del libro e permette di avere molti spunti di riflessione sugli effetti della lettura e cultura in generale. Il libro è un inno alla lettura e alla capacità dell'uomo di non darsi per vinto, di trasmettere quello che è in vita alle generazioni future attraverso le parole scritte, ma è anche un monito verso le forme di dittatura che si possono concretizzare attraverso la negazione della cultura e non con un controllo completo delle vite. Credo che chiunque dovrebbe leggerlo, almeno una volta nella vita, non importa a che età, Bradbury riesce in ogni caso a lasciare qualcosa e a far partire riflessioni sul mondo attuale in cui ci troviamo.

1

smilingalice

1

libreriamo

Quand’ero bambino, erano la luce dell’albero di Natale, la musica della messa di mezzanotte, la dolcezza dei sorrisi a far risplendere il regalo di Natale che ricevevo. (Antoine de Saint-Exupèry, Il piccolo principe) #Repost @imma.dilorenzo per la campagna #ChristmasInBook ・・・ @libreriamo #Christmasinbook #natale #christmas #campagnasocial #libreriamo #libri #book #socialnetwork #bookstagram #vivailibri

4

imma.dilorenzo

0

enrose66

0

libreriamo

Cari lettori, parte la campagna social CHRISTMAS IN BOOK. Postate sui social le vostre foto con protagonisti i libri per promuovere la lettura durante il periodo natalizio! Diventate protagonisti e partecipate in numerosi su Facebook, Twitter ed Instagram con l'hashtag #ChristmasInBook! #natale #christmas #campagnasocial #libreriamo #libri #books #socialnetwork #bookstagram #vivailibri

4

libri.and.co

#lavventodeilibri Questo non è un fumetto come gli altri. La storia è semplice: una normale giornata, l'incidente in moto, l'amputazione di un braccio che cambia la vita. Con questo pretesto, l'autrice ci porta attraverso un percorso storiografico della tecnica e scienza dell'amputazione e delle protesi, sia dal punto di vista puramente metodologico (a partire dagli antichi egizi fino alle guerre mondiali), sia neuropsicologico. In questo percorso che molti si trovano ad affrontare, il protagonista viene guidato da Ambroise Paré, chirurgo responsabile dei principali traguardi della modificazione anatomica e padre della medicina prostetica. Il fumetto è diviso in quattro capitoli, rispettivamente "Amputazione", "Arto fantasma", "Protesi" e "Transumanesimo", con la particolarità di avere ognuno un colore predominante nelle tavole, elemento che immerge ancora di più nella lettura. I capitoli sono intervallati da scene mute, in bianco e nero, che rappresentano il processo di guarigione e soprattutto di metabolizzazione del trauma da parte del personaggio. Queste pagine in bianco e nero sono le più emotive del fumetto e sono quelle che permettono al lettore di immedesimarsi. Il protagonista è, infatti, un ragazzo senza nome. Un avatar, un contenitore che chiunque può riempire con la propria esperienza personale e sensibilità. È un fumetto che, per quello che studio, mi ha catturato al primo sguardo e mi ha lasciato molto. Lo consiglio molto perché, come sottolinea spesso @simonascarioni (grazie a cui ho scoperto questo fumetto tempo fa), è importante si parli di medicina e scienza in generale, e questo è uno dei temi sempre più d'attualità, sia per la ricerca che fa passi da gigante sia per l'impatto che poi avrà sulla popolazione con l’allungarsi dell’aspettativa di vita.

3

stevefortunato2018

0

desiree_patricolo

"Nessun atto di gentilezza, per piccolo che sia, è mai sprecato..." (Esopo) già, la #gentilezza ....sconosciuta a molti.... il mondo di oggi non è mai #gentile , non è mai #grato ....si da tutto per scontato: l’amicizia, l’amore, la vita, la presenza! Ma non è così! #esopo #buongiornocosì #libreriamo @libreriamo

0

rosannalor

1

carmy.s1984i

0

enrose66

1

pieradeglispiriti

#bookgrinch2018 #pieradilibri "Bovinelli girava con una giardinetta di legno piena di attrezzi. [..] ogni intervento duecento lire, qualunque fosse la specialità. aveva due manine da chirurgo: di fronte a loro si arrendevano i transistor e le caldaie. questo fino al venerdì sera. venerdì sera alle otto precise Bovinelli posteggiava la giardinetta davanti al bar, si toglieva la tuta, si lavava le mani alla fontana e si sedeva. alle otto e dodici minuti era già serenamente ubriaco." • se avete letto il libro capirete benissimo la foto, altrimenti vi invito a leggerlo perché vi farete tante ma tante di quelle risate che mi ringrazierete fino alla morte (da risata). il libro è strutturato in maniera molto particolare: ogni capitolo parla di un "personaggio" tipico da bar, che potrete incontrare in tutti i bar! Ad esempio c'è il tecnico, ci sono le signore impelicciate, c'è l'ubriacone, c'è il professore pervertito! ma soprattutto come dimenticarsi della Luisona, la pasta che è lì in bella mostra fra le brioche più o meno da vent'anni! ognuno di questi personaggi viene ben caratterizzato e poi inserito in una serie di situazioni possibili ma portate all'estremo fino a diventare non sense! ho riso come una scema dall'inizio alla fine, poi se come me, venite da un microscopico paese come il mio, potreste riconoscere fra tutte queste figure che popolano le pagine delle persone reali che bazzicano nei baretti dalla mattina alla sera. inoltre ci tengo a consigliarvi il film tratto da questo libro perché fa morire dal ridere anche quello! buona lettura e buona serata 🍷

23

lellettrici_books

Buon pomeriggio, amici! Ebbene sì, ho finito “L’Educazione” di Tara Westover perché è impossibile staccarsene una volta iniziato. Non avrei mai immaginato che si potesse trattare di una storia autobiografica e quando ho iniziato a percepirlo dal racconto di Tara, mi si è accapponata la pelle. 📚 Quella di Tara è una famiglia fuori dal comune: numerosa, tagliata fuori dal sistema statale (scolastico, sanitario ma anche anagrafico). La famiglia Westover è fuori dai radar e si prepara, secondo i precetti della propria religione, alla fine del mondo. Bambini e genitori lavorano alacremente per inscatolare pesche, conservare benzina, munire la casa di un sistema che li renda autosufficienti nella sopravvivenza al giorno del giudizio. Il fatto è che la fede incrollabile nel volere di Dio rende, in particolare i genitori di Tara, completamente incuranti del pericolo. Sommando poi il loro rifiuto alla medicina e alle prescrizioni, questo rende l’infanzia di Tara simile a una costellazione di incidenti più o meno gravi, sempre contraddistinti poi da rimedi erboristici preparati dalla madre. I bambini sono completamente all’oscuro delle basilari conoscenze del loro (del nostro) tempo, perché è stato loro impedito di frequentare la scuola (luogo di corruzione e perdizione) e la madre non è più in grado di tenere dietro alla loro istruzione. Tara sembra essere destinata a ripercorrere i passi dei suoi genitori in futuro, ma qualcosa si sposta dentro di lei, qualcosa che nasce dalla lettura vorace dei testi religiosi (la parte più cospicua della loro libreria, del resto). Tara sente un’attrazione nei confronti delle parole e dei ragionamenti e della storia, che saranno le basi della sua educazione. Ma la sua educazione consiste soprattutto nell’emancipazione da una dipendenza psicologica dannosa, perpetrata grazie alle bugie che la sua famiglia si racconta per non finire allo sbando. - Ory

3

valentina_ale_

💌 . . . . . . . . . . . . #libreriamo

0

libreriamo

Avete visto la seconda puntata de "L'amica geniale" ieri sera? Continua ad essere all'altezza delle aspettative? #libreriamo #lamicageniale #elenaferrante #elisadelgenio #gaiagirace #edizionieo #vivailibri #libridaleggere #frasiletterarie #frasedelgiorno #libri #letteratura #lila #lenù

37

antonellaangotti7

1

arrety

5

matteolibreriadeglistudenti

2

giusy_simari

E mi riempio l'anima di meraviglia mentre vado incontro all'ennesimo tramonto. #scritturacreativa#scriverechepassione #versi#pensieri#aforismi#riflessioni#sentimenti#anime#scrivere#instagrammer#vita#libreriamo#traveller#travelblogger#travelinspiration#travel#fotografia#tramonto#tramontosulmare#sunset#calabria#rossano#italy#scrittori#scrittoriemergenti#mondadori#spiagge#barche#crepuscolosulmare#montagne

3

yrdanielafuso

“I Libri... ti fanno vedere il mondo con occhi diversi ti fanno imparare ad apprezzare le piccole cose ti fanno guardare la realtà con un’altra prospettiva accendono le tue emozioni liberano la tua immaginazione ti fanno volare lontano con la fantasia” (#Libreriamo) #SocialBookDay #tinamarzoart . . #uniscitiameyr #staytunedstaybeauty💋 #teamfusion💚#yrdanielafuso

0

enrose66

0

libreriamo

Quale libro vorreste trovare quest’anno sotto l’albero? ✨ #libreriamo #natale #albero #regali #libridaleggere #libridaregalare #vivailibri #consigli #leggere #lettura #libribelli

109

leggindipendente


Fatal error: Call to undefined function Twitter\Text\idn_to_ascii() in /srv/www/gramview.com/public_html/vendor/nojimage/twitter-text-php/lib/Twitter/Text/StringUtils.php on line 118